Olio di palma: oro industriale e distruttore del clima

Per la versione tedesca scorrere verso il basso. Grazie!

Ancora oggi sono scioccato dalle prime immagini della radura per l'olio di palma che ho visto online. L'immagine dell'orangutan che cerca di difendersi dalle macchine e dalle persone simili a mostri per difendere la sua casa e la sua famiglia. Ero scioccato, arrabbiato e triste. Per me personalmente, quello è stato il giorno in cui ho messo seriamente in dubbio il mio consumo.

Diamo uno sguardo più da vicino alla pianta. Cosa rende la palma da olio (Elaeis guineensis) così attraente? La particolarità di questo tipo di palma sono i suoi ricchi grappoli di frutta con frutti che hanno una concentrazione di olio molto elevata. Ciò significa in dettaglio che la polpa ha un contenuto di olio del 45-50%. Un grappolo o grappolo di frutta ha fino a 4000 frutti a forma di uovo che possono essere lunghi 3-5 cm. Puoi raccogliere 5-15 grappoli di frutta all'anno e ovviamente la raccolta è possibile tutto l'anno.

Questa specie di palma tropicale è originaria dell'Africa occidentale. Viene coltivato in piantagioni e lo spazio viene creato appositamente per questo (foresta pluviale tropicale eliminata). È piantato in monocolture e quindi provoca danni enormi. Come saprai per certo, l'olio di palma è onnipresente nelle nostre vite.

Perché abbiamo bisogno di così tanto olio di palma?

Oltre al fatto che l'olio di palma ha una resa annuale estremamente elevata, combina molte proprietà positive. È insapore, che ovviamente è l'ideale per l'industria alimentare. L'olio di palma ha una consistenza compatta a temperatura ambiente, il che significa che non deve essere indurito chimicamente. Inoltre è stabile al calore, ha una lunga durata e rende il cibo particolarmente facile da spalmare. Queste proprietà significano che l'olio di palma è onnipresente nelle nostre vite.

Uno è sempre scioccato da quanti prodotti contiene questo olio distruttivo.

In tutto il mondo, il 72% dell'olio di palma viene utilizzato per il cibo, ovvero circa 51,42 milioni di tonnellate di olio di palma di cui non abbiamo bisogno. Questa proporzione può essere notevolmente ridotta se stiamo insieme e diciamo NO ai prodotti con olio di palma.

Da quando ho visto le immagini della radura, ho girato tutti i prodotti che volevo acquistare e ho letto cosa c'era dentro. I numeri nel grafico non mi sorprendono, però sta diventando sempre più difficile trovare prodotti che non contengano olio di palma. Che sia biologico o no. Inoltre, puoi anche trovare prodotti che pubblicizzano che non viene utilizzato olio di palma.


Cosa possiamo fare per cambiarlo?

So che i numeri sono schiaccianti e ti senti rapidamente impotente. Ma non lo siamo, perché siamo i consumatori! Dobbiamo imparare a dire di no, anche se all'inizio fa male (con la nostra cioccolata preferita). Personalmente, ho iniziato più di 8 anni fa a smettere gradualmente di usare cibi che contengono olio di palma.

Questo significa:

1. Ho letto l'elenco degli ingredienti su ogni prodotto per vedere cosa viene elaborato.

2. Quando colpisce un prodotto che mi piace, cerco un'alternativa che funzioni senza di esso. Nella mia esperienza, di solito hanno un sapore molto migliore!

3. Cerco come posso realizzare il prodotto da solo, evitarlo e comunque godermelo. La cosa positiva è che faccio sempre troppo e spesso ho un piccolo regalo per amici o familiari.

Perché lo sto facendo? Ogni cambiamento, grande o piccolo, inizia da noi. Non dobbiamo dimenticare che abbiamo una voce e possiamo dire NO.

#No grazie non voglio l'olio di palma nel mio cibo!

Ovviamente ne sono consapevole quella ci sono più ragionit, fper cui la foresta pluviale tropicale viene ripulita. Nel prossimo futuro approfondirò anche questi, sii curioso.


💚🌳

A tutt'oggi sono ancora scioccato dalle prime immagini di radure di olio di palma che ho visto online. L'immagine dell'orangutan che cerca di difendersi dalle macchine e dagli umani simili a mostri per difendere la sua casa e la sua famiglia. Ero scioccato, arrabbiato e triste. Per me personalmente, questo è stato il giorno in cui ho iniziato a mettere seriamente in discussione il mio consumo.

Cominciamo osservando più da vicino la pianta. Cosa rende la palma da olio (Elaeis guineensis) così attraente? La particolarità di questo tipo di palma è la sua ricca infruttescenza (testa fruttifera), i cui frutti hanno un'altissima concentrazione di olio. Per essere più precisi, ciò significa che le vescicole del succo contengono il 45-50% di olio. Una testa fruttifera o un grappolo di frutta ha fino a 4000 frutti a forma di uovo, che possono essere lunghi fino a 3-5 cm. È possibile raccogliere 5-15 grappoli di frutta all'anno e, ovviamente, la raccolta è possibile tutto l'anno.

Questa specie di palma tropicale è originaria dell'Africa occidentale. Viene coltivato nelle piantagioni e viene creato spazio appositamente per esso (la foresta pluviale tropicale viene scavata). È piantato in monocolture e quindi provoca danni enormi. Come sicuramente saprai, l'olio di palma è onnipresente nelle nostre vite.

Perché abbiamo bisogno di così tanto olio di palma?

Oltre al fatto che ha una resa annuale estremamente elevata, ha molte qualità positive. È insapore, il che ovviamente lo rende ideale per l'industria alimentare. L'olio di palma ha una consistenza compatta a temperatura ambiente, il che significa che non ha bisogno di essere indurito chimicamente. Inoltre è stabile al calore, ha un lungo tempo di conservazione e rende gli alimenti particolarmente spalmabili. Queste proprietà fanno sì che l'olio di palma sia onnipresente nella nostra vita.

Global use of palm oil  2020

 

È sempre spaventoso vedere quanti prodotti contengono questo olio distruttivo.

In tutto il mondo, il 72% dell'olio di palma viene utilizzato per il cibo, ovvero circa 51,42 milioni di tonnellate di olio di palma di cui non abbiamo bisogno. Questa quota può essere notevolmente ridotta se stiamo insieme e diciamo NO ai prodotti contenenti olio di palma.

Da quando ho visto le foto delle radure, ho rigirato ogni prodotto che volevo acquistare e letto gli ingredienti. In ogni caso le cifre nel grafico non mi sorprendono. Sta diventando sempre più difficile trovare prodotti senza olio di palma. Che sia biologico o no. Inoltre, puoi anche trovare prodotti che pubblicizzano che non utilizzano olio di palma.

Cosa possiamo fare per cambiarlo?

So che questi numeri ci mettono fuori combattimento e ci sentiamo rapidamente impotenti. Ma non lo siamo, perché siamo i consumatori! Dobbiamo imparare a dire di no, anche se all'inizio fa male (il nostro amato cioccolato). Personalmente ho iniziato più di 8 anni fa a smettere di acquistare cibi contenenti olio di palma, un passo alla volta.

Questo significa:

  1. Ho letto l'elenco degli ingredienti di ogni prodotto per vedere cosa viene elaborato.
  2. Se è un prodotto che mi piace molto, cerco un'alternativa senza olio di palma. Nella mia esperienza, di solito hanno un sapore molto migliore!
  3. Cerco come realizzare il prodotto da solo, in modo da evitare il problema morale e godermi comunque i sapori. La cosa positiva è che faccio sempre troppo e spesso ho un regalino per amici o familiari.

Perché lo faccio? Ogni cambiamento, grande o piccolo, inizia dentro di noi. Non dobbiamo dimenticare che abbiamo una voce e possiamo dire NO.

 

#No grazie Non voglio l'olio di palma nel mio cibo

 

Inutile dire che sono consapevole che ci sono ancora più ragioni per cui la foresta pluviale tropicale viene abbattuta. Nel prossimo futuro parlerò anche di loro, preparatevi!

💚🌳